ISCRIZIONI in libreria

PER ISCRIVERSI AL WORKSHOP DELL'8 DICEMBRE:
Sarà possibile perfezionare l'iscrizione al seminario portando il modulo di tre pagine scaricabile da internet, compilato in data di almeno 4 giorni antecedente al seminario, presso la libreria Marabuk via Maragliano 29 martedì 5 dicembre dalle ore 18 alle ore 18,30. 
La scheda per l'iscrizione si trova al seguente link:
http://integrazioneposturale.com/wp-content/uploads/2017/11/Firenze_siiciochesei_iscrizione_08_12_17.pdf

Bodywork Transpersonale®

Da un articolo del Dr. Massimo Soldati, autore di Corpo e Cambiamento:

"Dal 1999 AIPT, da me fondata, ha portato in Italia contenuti e metodi all’avanguardia, permettendo a molti di sperimentare di persona la potenza e la efficacia di pratiche di integrazione corpo mente (bodymind integration).
La grande libertà e spinta verso un processo evolutivo connessa con queste pratiche può solo essere sperimentata direttamente e molto difficilmente trasmessa attraverso descrizioni o parole.

La Integrazione Posturale Transpersonale deriva dalla Integrazione Posturale di Jack W.Painter ed ha mantenuto questo nome per rispetto nei confronti del grande maestro scomparso, anche se in effetti dovrebbe essere chiamata Integrazione Transpersonale, oppure solo Integrazione, come fanno gli allievi della nostra scuola.

CAMBIAMENTO DATA ALL'8 DICEMBRE

ATTENZIONE !!
La data del seminario di Bodywork Transpersonale e Integrazione Posturale è stata spostata al giorno 8 DICEMBRE prossimo, rimangono invariati ora e luogo.
Ore 11 presso C.M.O. Centro di medicina osteopatica, via Ungheria 23 Firenze.

Il dr. Massimo Soldati, autore di "Corpo e Cambiamento" allievo di Jack Painter presenta per la prima volta a Firenze due tecniche complementari per la risoluzione di molti disturbi legati all'eccessivo stress che contraddistingue la nostra vita quotidiana. Il seminario è indicato per tutti quei professionisti che lavorano sul corpo e nella relazione d'aiuto che desiderino approfondire le proprie competenze e arricchire l'esperienza della relazione con l'Altro.
E' indicato altresì per tutti coloro che soffrono di tutti quei disturbi che si collocano tradizionalmente a cavallo tra la sfera fisica e quelle emotivo-spirituale. Si parla ad esempio di fibromialgia o di disturbi del sonno, di ansia e di attacchi di panico. E' adatto per tutte le persone che desiderano trovare o ritrovare serenità, leggerezza nella vita e apertura di cuore.
Vi aspettiamo!

Dipendenze affettive

E' in fase di attivazione un nuovo GRUPPO DI CRESCITA PERSONALE SUL TEMA DELLE DIPENDENZE AFFETTIVE 

il gruppo accoglie le persone che si sentono intrappolate in una relazione affettiva che non le soddisfa. Pur essendo insoddisfatte non riescono ad uscire dalla relazione. 
Chi è  interessato può contattarmi direttamente: 3499020809
OPPURE SCRIVERE : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

8 dicembre 2°workshop

SII CIO' CHE SEI !! - Il secondo workshop con il dr. Massimo Soldati dedicato al Bodywork Transpersonale e all'Integrazione Posturale si terrà l'8 dicembre prossimo nella sala del C.M.O. in via Ungheria 23 a Firenze.

sulla vecchiaia

La vecchiaia: come gestirla

Come ogni fase della vita richiede anche la vecchiaia attenzione e rispetto. Forse ancora di più delle altre perché gli anziani posseggono tutte le qualità dell'essere vissuti e aver accumulato esperienze e spesso questo viene sottovalutato o proprio non visto.

La qualità di vita che una società offre ai propri anziani, alle persone che sono nel periodo finale della vita, è indice della civiltà raggiunta da tale società. Più alto è il livello di benessere delle persone anziane più alto è il valore di tutta la società. 

Negli anziani si riconosce il valore della vita stessa, l'importanza di essere vissuti. Se l'anziano porta agli altri la bellezza degli anni vissuti, nel bene e nel male, ed è visto come testimone della potenza della vita e come occasione per capire e imparare sempre di più su se stessi, ogni persona che entra a contatto con un anziano lo guarderà con rispetto e ammirazione e non, come purtroppo accade oggi spesso, con fastidio o disgusto. 

Tenere nel cuore la vecchiaia come dono prezioso che ogni essere umano può fare agli altri... un'occasione di riflessione...

 

Entusiasmo e libertà

COSA E' SUCCESSO AL WORKSHOP DEL 19 MAGGIO

Dopo aver dato il benvenuto a tutti e una breve reciproca conoscenza Il dott.Massimo Soldati ha condotto il gruppo con rispetto e amore, accompagnato dalla musica del Bodywork.
Siamo partiti come bambini ai primi passi, con incertezza e timidezza, per crescere passo dopo passo nella consapevolezza delle proprie debolezze e dei propri punti di forza. Ognuno dei partecipanti ha potuto sperimentare contatto e scontro, accoglienza e rifiuto, è cresciuto nella relazione con l'altro, ha potuto apprendere o riscoprire i propri limiti fisici e mentali, ha potuto esprimersi nelle scelte di movimento spontaneo e finalmente ha potuto abbandonarsi al flusso del lavoro in un crescendo di sensazioni, verso la leggerezza e la libertà.
Ci siamo scambiati impressioni, poche parole, una metafora, un'immagine poetica e ci è bastato davvero poco per capire che il Bodywork è riuscito, ancora una volta, a compiere il suo piccolo "miracolo": farci uscire dalla stretta gabbia del pensiero e della sofferenza per farci intravedere la possibilità di aprirsi allo scorrere della vita, al benessere, alla leggerezza dello star bene con se stessi e con gli altri.
Abbiamo concluso il pomeriggio di gioco e lavoro con un piccolo contatto di Integrazione Posturale. Ognuno di noi ha preso contatto per poche decine di minuti con la sacralità del corpo dell'altro, con umiltà e rispetto, osservandolo, accettandolo, riconoscendolo.
Pur non avendolo mai fatto ognuno è riuscito perfettamente a sentire, a mettersi al servizio, ad aprire il proprio cuore e sono bastati questi pochi minuti per dare un'idea di cosa possa essere un percorso di formazione per diventare Integratore posturale. 
Entusiasmo è la parola che viene spontanea alla fine di questo incontro, dopo quattro ore di lavoro intenso dove nessuno si è risparmiato e con generosità si è messo in gioco. 
Ci portiamo via la voglia di vedersi ancora e l'intenzione di creare un gruppo regolare e costante di lavoro con il bodywork e di formazione all'Integrazione. Con Massimo Soldati abbiamo già un secondo appuntamento che sarà a settembre o al massimo ai primi di ottobre e nel frattempo, prima di entrare nell'estate e nel piacere delle vacanze, ci ripromettiamo un incontro fra di noi che abbiamo partecipato il 19 per scambiare impressioni e risultati ottenuti. 
Segue comunicazione della data!
Un grazie profondo a tutti!

Il valore del Gruppo

Chi viene a un Gruppo?

Spesso le persone pensano erroneamente che un Gruppo è per persone "malate" o con problemi emotivi. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità e, purtroppo, questo equivoco porta spesso persone che stanno cercando proprio quegli stessi tesori che il Gruppo offre, a rinunciare a questa straordinaria esperienza.

Il Gruppo è per tutte le persone che sono interessate a entrare in collegamento con gli altri in un modo reale su esperienze di vita reale e desiderano cogliere la possibilità di connettersi empaticamente con gli altri. Non è questo ciò che noi tutti desideriamo? Potersi esprimere liberamente e di conseguenza essere conosciuti, capiti e visti per quello che siamo.

Chi supera il pregiudizio ogni volta che partecipa al Gruppo rinnova la propria riconoscenza per aver potuto assistere ai "miracoli" che il Gruppo offre e averli potuti portare con sé nella vita di tutti i giorni.

Il Gruppo è per tutte le persone che vogliono crescere e migliorare il livello di benessere delle loro vite, perché l'energia che il Gruppo sviluppa non è paragonabile a nessun'altra energia e permette una maggiore velocità nella direzione dello star bene ed essere felici con se stessi e con gli altri.

Domande e risposte in libreria

Domande e risposte su Bodywork Transpersonale e Integrazione Posturale Transpersonale con Camilla Cappuccini, counselor

 in vista del workshop del 5 maggio

Siamo qui stasera per raccontare un percorso personale, come sono arrivata a conoscere il Bodywork Transpersonale di Massimo Soldati e l’Integrazione Posturale Transpersonale. Penso che essenzialmente mi abbia spinto alla ricerca un malessere esistenziale che si era ormai incanalato anche a livello fisico, una relazione difficile da sciogliere, dolori e debolezza diffusa sia nei muscoli che nelle articolazioni. Praticamente mi era difficile muovermi, fare due passi, salire in macchina, salire e scendere le scale, fare la doccia…  Ho passato due anni di formazione nella scuola di Milano, dopo due anni, sto bene, faccio passeggiate di due ore senza problemi, svolgo agilmente tutte le incombenze casalinghe e personali quotidiane.  Sicuramente ho affrontato la fibromialgia (diagnosticata e destinata a mai guarire, solo a peggiorare) senza abbattermi, guardandomi intorno e accogliendo tutto quello che di “buono” mi portava la vita, massaggi, dieta e lavoro sul corpo, un lavoro sul corpo che è stato anche profondo lavoro nell’anima e grande apertura dello spirito.

Per questo motivo sono qui stasera per testimoniare la mia esperienza a voi, nella speranza che questo possa essere utile alla comprensione di quello che avverrà il 5 di maggio durante il workshop condotto dal dott. Massimo Soldati qui a Firenze.

 

-       D:: il bodywork e Integrazione Posturale in cosa differiscono?

-       R: Sono due tecniche diverse ma complementari. Durante il corso di formazione che sto seguendo a Milano con Massimo Soldati, al Bodywork viene dedicata mezza giornata per aprire la strada al lavoro più specifico dell’Integrazione. Il BT è un lavoro di gruppo, un “gioco” collettivo, volto alla conoscenza e all’approfondimento della conoscenza di se stessi, il continuo sperimentare i limiti e la possibilità di oltrepassarli porta a questa migliore consapevolezza di sé, del nostro vero Sé, fino a sperimentare veri e propri stati olotropici della coscienza. L’Integrazione Posturale è invece un lavoro individuale che si svolge nella stretta intima relazione tra operatore e cliente, volto allo scioglimento delle tensioni e dei blocchi che i vari vissuti negativi traumatici della vita hanno inciso nel nostro corpo a livello del tessuto connettivo profondo.  Lì c’è la memoria di ogni nostro trauma, recente o antico che sia. Sciogliendo il blocco a livello fisico si scioglie il blocco emotivo e il pregiudizio mentale.

-       D: Vuol dire che senza Bodywork non si può imparare l’Integrazione?

-       R: Per capire bene quello che significano le due tecniche una per l’altra venire al workshop è l’occasione ideale! Intanto potete consultare il sito www.integrazioneposturale.com. Io vi posso dire per mia esperienza che la mezza giornata di Bodywork permette di entrare con più efficacia nel lavoro intenso dell’Integrazione, ci permette di lasciare il nostro quotidiano che ci rapisce in continuazione e ci lascia il tempo e lo spazio per entrare in contatto con noi, in maniera dolce e profonda nello stesso tempo.

-       D.. Cosa sono gli stati olotropici della coscienza?

-       R: Stanislav Grof definisce gli stati olotropici di coscienza anche stati modificati di coscienza. Olotropico significa “diretto verso l’interezza”, che si muove in direzione dell’interezza. Grof sostiene infatti che nella nostra vita quotidiana siamo in grado di identificare solo una piccola parte di chi realmente siamo. Negli stati olotropici la nostra coscienza si dilata inglobando altre dimensioni senza perdere il contatto con la dimensione reale di tutti i giorni. Si tratta di esperienze potenti che possono dare emozioni molto positive, celestiali come esperienze di angoscia o paura o rabbia profonda.

-       D: Ci puoi suggerire alcuni titoli di Grof?

-       R:: sì certo: Psicologia del futuro, La mente olotropica, La respirazione olotropica, Oltre il cervello, Quando accade l’impossibile, Emergenze spirituali e molti altri che potete trovare cercando su internet

-       D: Ma transpersonale vuol dire olotropico?

-       R: Sì, transpersonale nel senso profondo di muoversi verso l’interezza, noi siamo un unico essere di corpo, mente, energia, spirito. Non è possibile trattarli separatamente. Quando si interviene direttamente sul corpo come nell’Integrazione Posturale Transpersonale, si interviene anche sulle altre tre dimensioni umane. Transpersonale vuol dire andare oltre la nostra visione ristretta, oltre la nostra personalità limitata.

D: Io sono una persona alla continua ricerca di qualcosa che mi faccia capire chi sono io veramente. Pensa che queste due discipline possano aiutarmi?

R: Senz’altro. Sia il Bodywork che l’Integrazione, come altri percorsi spirituali, aprono possibilità enormi di conoscenza di sé, del vero Sé. Si intraprende una via che in realtà non finisce mai, conoscersi è un cammino davvero infinito e sorprendente, a volte scoraggiante, doloroso, spesso entusiasmante. Per me è stato ed è tutt’ora così e devo dire che ancora non mi sono stancata, anzi, più vado avanti, più cresce la consapevolezza, più apprezzo la scelta fatta: aumentando le energie il passo si fa più veloce…

 

Grazie dell’attenzione, vi aspetto il 5 di maggio !

 

 

"PROFESSIONISTI COUNSELLOR" NAZIONALE AICO 2014

"PROFESSIONISTI COUNSELLOR"

CONGRESSONAZIONALE AICO 2014

Riccione 11 - 13 Aprile 2014 Hotel Corallo Riccione

Orari:
venerdì dalle ore 14.00 alle 18.00;
sabato dalle ore 9.00 alle 18.00;
domenica dalle ore 9.00 alle 13.00

La professione del Counselor regolata secondo il DDl sulle Libere Professioni del dicembre del 2012 prevede l’iscrizione ad un’associazione di categoria e una formazione permanente - AICo è la prima associazione di Counselor registrata dalla Regione Toscana che offre ai soci la formazione permanente, la supervisione e un congresso annuale.